I DRONI NELLE ASSICURAZIONI: GENERAL EXPERT SI PRESENTA ALLE GENERALI

Home / blog / I DRONI NELLE ASSICURAZIONI: GENERAL EXPERT SI PRESENTA ALLE GENERALI

I droni e il loro potenziale al servizio delle assicurazioni. Questo il tema principale dell’evento che si è tenuto, la scorsa settimana, tra General Expert e il Leone di Trieste.

General Expert
General Expert

Otto ore durante le quali, agli esperti del settore, è stato mostrato -nella teoria e nella pratica- come questi aeromobili a pilotaggio remoto possano diventare in un futuro ormai prossimo un eccezionale alleato delle Compagnie nella gestione dei risarcimenti provocati dai disastri naturali, nei rilievi su grandi aree e nella ricostruzione di sinistri stradali. E poi ancora, nell’ispezione e nell’analisi dei manufatti, piuttosto che nell’accertamento e nella stima dei danni alle colture agricole.

Solo un anno fa, Parker Beauchamp, Ceo di Inguard, una delle più innovative compagnie americane, sottolineava ai microfoni della stampa statunitense come l’utilizzo dei droni nel settore potesse espandersi in poco tempo e trovare  applicazioni nei più svariati ambiti. E, in effetti, nonostante l’atteggiamento iniziale un po’ snob delle Compagnie italiane nei confronti di questo strumento innovativo, pare che oggi il messaggio sia stato ormai ben recepito.

Lo conferma Carlo Trimboli, responsabile consulenza tecnica e formazione di Generali Car: “le foto e i filmati che i droni sono in grado di fornirci potrebbero apparire come una questione scontata, ma in realtà sono «il mio occhio in tempo reale» sull’evento da analizzare; inoltre –continua Trimboli- se smetto di pensare all’Assicurazione solo in chiave di indennizzo ed inizio a guardarla nell’ottica dell’ormai più che consolidato «servizio», ecco che il valore aggiunto del drone acquisisce sempre più importanza oggi e, soprattutto, in chiave futura”.

Management Generali
Management Generali

Ma al di là delle previsioni future, qual è, o potrebbe essere,  il ruolo svolto dai droni  nelle assicurazioni? Dopo una dimostrazione pratica dell’aeromobile in volo, i diversi rappresentanti delle Generali e lo staff di General Expert hanno valutato e condiviso gli impieghi già praticabili..

In ambito pre-assuntivo, ad esempio, dove i droni consentirebbero una più accurata valutazione del rischio, nonché una previsione dell’impatto economico sull’azienda ad evento avvenuto. In caso di condizioni meteorologiche avverse per l’agricoltura come la grandine, il sorvolo del drone sul campo ne consentirebbe una più ampia e dettagliata osservazione prima e una stima del danno più veloce ed attendibile dopo.

Senza dimenticare il loro possibile impiego nelle indagini strutturali, nella ricerca di guasti, nell’ispezione dei manufatti e nel monitoraggio di grandi impianti, come le linee elettriche e le aree industriali. Tutte situazioni in cui l’impiego del drone non solo risulterebbe più conveniente da un punto di vista economico e logistico per le Compagnie, ma eliminerebbe i rischi eccessivi che potrebbero scaturire dall’azione diretta dell’uomo.

Droni nelle assicurazioni
Droni nelle assicurazioni

Lo sottolinea Lorenzo Bizio, responsabile dei sinistri complessi e dello sviluppo tecnico di Generali Italia. “Il drone è una realtà nuova e, come tale, merita di essere conosciuta e approfondita, ma non vi è dubbio che il suo utilizzo possa aiutare il mondo delle Assicurazioni sin da ora a svolgere le diverse attività in modo ancor più professionale. Le foto e i video georeferenziati, ottenuti nell’immediato verificarsi dell’evento, garantiscono una maggiore padronanza nella gestione dell’evento. Ovvero –specifica- consentono di capire in tempo reale chi ho di fronte, cosa è successo e come posso intervenire. Nello specifico, sono in grado di organizzare al meglio la rete peritale, anticipare quelle che sono le richieste dei miei clienti e, nell’ottica del «risarcimento in forma specifica», posso stabilire nei dettagli il tipo di intervento e l’entità della riparazione riducendo, così, i tempi dell’iter liquidativo. Per le Compagnie –conclude Bizio- questo si traduce in un’ottimizzazione di tempo e costi senza pari”.

Insomma, le potenzialità sono ampie. I droni sono già in volo. Al mercato assicurativo non resta che decollare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *